Tra Macchiaioli e Belle Époque<br>20 aprile-17 giugno 2018

È stata inaugurata lo scorso 19 aprile, alla presenza delle autorità cittadine, dei rappresentanti delle Fondazioni bancarie, degli istituti di credito e dei Comuni di Livorno e Porto Recanati, oltre che di un nutrito pubblico, la mostra Tra Macchiaioli e Belle Époque. Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giovanni Boldini curata da Anna Ciccarelli e Ulrico Dragoni.

26 capolavori realizzati da Giovanni Fattori, Telemaco Signorini e Giovanni Boldini, provenienti dalle collezioni d’arte delle Fondazioni bancarie di Terni e Narni, Bologna, Cariplo, Ferrara, Firenze, Padova e Rovigo, Parma, nonché degli istituti di credito BNL e BPM e dei Comuni di Livorno e Porto Recanati.

Una mostra di caratura nazionale dedicata ai maggiori rappresentanti delle correnti artistiche dei Macchiaioli e della Belle Époque.

13 dipinti di Giovanni Fattori che rappresentano appieno la produzione dell’artista: dalle artiglierie in azione, ai soldati a cavallo, dalle vedute rurali, ai paesaggi toscani. Tra i più rappresentativi La fanteria italiana (1868-1873), Scogliera presso Castiglioncello (1885 ca.), Soldati su strada di campagna. Molto interessanti i ritratti: oltre all’Inglesina, gli splendidi cinque disegni a tecnica mista raffiguranti volti di uomini e donne tratteggiati con grande dovizia di particolari evidenti nella delineazione delle espressioni e delle mimiche.

6 opere di Telemaco Signorini: anche qui ritratti e scene campestri, vedute e paesaggi europei, interni con figure e ambientazioni architettoniche. Tra questi: Ritratto di pittore, Spiaggia scozzese e la splendida tela Non potendo aspettare ricca di effetti di luce che indugiano sui particolari dell’arredo dello studio dell’artista.

6 splendidi dipinti di Boldini: due vedute di Venezia con le gondole; tre splendidi ritratti di donne e un interno con figura. La Cantante mondana, realizzata dall’artista intorno al 1884, è un’opera che primeggia per raffinatezza e qualità accanto a Ritocchi al vestito da ballo del 1904. 

Il 26° dipinto è uno splendido quadro di Giovanni Fattori acquistato dalla Fondazione Carit ed entrato a far parte della collezione d’arte ternana soltanto lo scorso 17 aprile. Sosta di cavalleggeri, una pregevole tavola realizzata dal livornese tra il 1870-1872, firmato in basso a destra “Giov. Fattori”. Un’opera di grande fedeltà realistica e raffinata esecuzione, dove il dato saliente è la resa fedele del motivo militare, colto nella massima naturalezza ed espressività umana e pittorica. Un risultato favorito anche dall’impiego del supporto di mogano, il cui fondo amalgamato con la materia assicura una resa cromatica luminosa brillante.

La mostra rimarrà aperta, con ingresso libero e catalogo gratuito, sino al 17 giugno 2018 nei seguenti giorni e orari: venerdì-sabato-domenica 11-13/17-20.

Visualizza la locandina

Archivio

Pagine

ALTRE NOTIZIE

01 Agosto 2019

CHIUSURA UFFICI

Gli uffici della Fondazione Carit resteranno chiusi dal 12 al 25 agosto 2019.

17 Aprile 2019

Black music a Terni con Umbria Jazz Spring #2 - Dal 18 al 22 aprile 2019

Black music a Terni con Umbria Jazz Spring #2 con il sostegno della Fondazione CARIT   Dal 18 al 22 aprile 2019 il cuore della città di Terni verrà letteralmente...

21 Marzo 2019

Cerimonia premi T.O.E. 29 marzo 2019

La Ternana Opera Educatrice, in adempimento del disposto di cui all’art. 2 dello Statuto della Fondazione, bandisce ogni anno un concorso per il conferimento di premi per incent...

04 Marzo 2019

La fondazione Carit nella lotta alla povertà educativa minorile

977 mila euro assegnati in poco più di due anni (2016-2018) dal Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa minorile tramite il finanziamento di 37 interventi nell’...

19 Dicembre 2018

Un bando per l'attribuzione di premi in favore di diplomati e laureati

La Ternana Opera Educatrice bandisce un concorso per il conferimento di premi per incentivare, animare e stimolare i giovani nati e residenti nei Comuni di Acquasparta, Alviano,...

03 Dicembre 2018

Presenze artistiche in Umbria: i capolavori tra il ʼ300 e il ʼ500

Celebrare la presenza nell’Umbria meridionale di artisti di spicco che, a servizio di importanti committenti dell’epoca, hanno lavorato nel solco tracciato dai grandi autori, pa...

  • Associazioni di Fondazioni e di Casse di Risparmio
  • Plenaristi