Carsulae 1951-2016. 20 gennaio-19 febbraio 2017

A partire dal 1951, sotto la direzione dell’archeologo Umberto Ciotti, iniziarono una serie di scavi che riguardarono l’area dove in epoca romana doveva sorgere il centro di Carsulae e che ebbero il merito di riportare alla luce tutto quello che oggi possiamo ammirare all’interno del parco archeologico. Questi scavi si concentrarono essenzialmente nel riportare alla luce la parte pubblica della città e si protrassero fino al 1973.

Dopo molti anni, nel corso del 2012, sotto la direzione dell’allora Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria, coordinata dagli archeologi Luca Donnini e Massimiliano Gasperini e finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, le ricerche hanno ripreso il via e stanno ancora oggi riportando alla luce nuove parti della città di Carsulae.

In questo anno 2016, in particolare, lo scavo in concessione all’Associazione Culturale ASTRA Onlus, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, si è concentrato sullo scavo e sul restauro delle strutture e dei materiali emersi nel Saggio D del cosiddetto “Quartiere Nord – Est” della città antica.

Oggetto della mostra

Vista la premessa e visto l’elevato interesse dimostrato dalla Fondazione per la città di Carsulae, è stata progettata questa mostra temporanea che mira ad esporre, presso palazzo Montani Leoni a Terni, una selezione di reperti appartenenti ai vecchi scavi di Umberto Ciotti e un’altra serie proveniente, invece, dalle ricerche di quest’ultimo anno. 

L’obiettivo è quello di dare visibilità ai vecchi reperti che sono ancora conservati presso il magazzino del Museo Archeologico Nazionale di Perugia, ma che non trovano al momento possibilità di esposizione e presentare subito quelli provenienti dall’ultima campagna di scavo.

Altro obiettivo è anche quello di sottolineare la differenza metodologica utilizzata nelle ultime ricerche e la precisione dei dati scientifici che si possono trarre da ogni singolo reperto, se ben documentato e contestualizzato. 

La mostra, finanziata dalla Fondazione CARIT, è curata da Ulrico Dragoni, Anna Ciccarelli, Massimiliano Gasperini e Luca Donnini, in collaborazione con l’Associazione ASTRA, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, il Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria e il Polo Museale dell’Umbria.

TERNI, palazzo Montani Leoni
20 gennaio-19 febbraio 2017
Venerdì-sabato-domenica ore 11-13/17-20

Archivio

Pagine

ALTRE NOTIZIE

18 Dicembre 2019

Chiusura Uffici

Gli uffici della Fondazione Carit resteranno chiusi dal 24 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020.

11 Dicembre 2019

Avviso indagine economica

La Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni bandisce un’indagine economica per la copertura assicurativa della sede, ivi compreso il relativo contenuto, e degli altri fabb...

10 Dicembre 2019

Un bando per l'attribuzione di premi in favore di diplomati e laureati

La Ternana Opera Educatrice bandisce un concorso per il conferimento di premi per incentivare, animare e stimolare i giovani nati e residenti nei Comuni di Acquasparta, Alviano,...

25 Settembre 2019

Sabato 5 ottobre 2019 "Invito a Palazzo"

Sabato, 5 ottobre 2019 Dalle 10.00 alle 19.00 - ingresso gratuito Scarica la locandina

19 Luglio 2019

Rapporto sulle Fondazioni di Origine Bancaria anno 2018

E' online il XXIV Rapporto annuale sulle Fondazioni di origine bancaria (bilanci 2018). » Visualizza il Pdf del 24° Rapporto sulle Fondazioni di Origine Bancaria anno ...

20 Giugno 2019

“T’ASCOLTO” un progetto di inclusione ed accessibilità per tutti

Mercoledì 19 giugno a palazzo Montani Leoni si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto “T’ASCOLTO”, lo sportello sociale informativo e di orientamento per le...

  • Associazioni di Fondazioni e di Casse di Risparmio
  • Plenaristi